14/042014
Tecnologia Alberto Di Guida

Uno skateboard che dura una vita

Luca Sburlati, ceo di N2R, un'azienda torinese che produce abbigliamento e oggetti sportivi di design, ci parla di un nuovo progetto assolutamente futuristico, quello di sfruttare la ventennale esperienza accumulata nella pruduzione di yachts e macchine da corsa, per creare un prodotto nuovo: un comune skateboard, con cui va oggi molto di moda muoversi per le capitali europee e non solo, ma più leggero, più resistente, e più flessibile degli altri. Uno skateboard, insomma, che dura una vita.

 

N2R ha prodotto uno skateboard assolutamente innovativo. Di ché si tratta?

 

Si tratta di una tavola in tricomposito biassiale che nasce da una tecnologia applicata solo su prodotti complessi, e che devono reggere enormi sforzi e stress, quali yacht, auto da corsa. Settori da cui proveniene la nostra azienda. Abbiamo sviluppato questa tecnologia e questo processo, e dunque abbiamo deciso di appricarlo nel mondo degli sporting goods a partire dagli skateboards.

 

Perché è importante usare una tecnologia così avanzata per creare un oggetto così comune?


Perché dà a chi usa la nostra tavola benefici unici. I nostri longboard pesano il 25% in meno dei prodotti concorrenti, quindi sono più leggeri da trasportare, Sono molto più resistenti degli altri costrutiti con anima in legno, e rappresentano una garanzia nell'uso anche in termini di sicurezza, perché di base non si rompono. Andate a vedere su youtube i test, possono tenere sollevato un Suv senza spezzarsi e ritornare in posizione senza nessuna microfrattura. Quindi leggerezza, resistenza ed infine la possibilità di personalizzare in produzione tramite un ultimo layer con la propria foto o disegno senza dover ricorrere a costose serigrafie.

 

Al contrario, lanciando un prodotto così innovativo non si rischia, come è stato per i Google Glass, di esagerare?

 

Sì, si corre questo rischio. Ma stiamo parlando di un oggetto che esiste, fatto in un materiale diverso, che dà enormi benefici ad un cliente che non deve far altro che utilizzarlo come faceva prima. D'altro canto noi italiani, o lavoreremo su tecnologie e design rischiando, o spariremo. Per me fare impresa vuole dire anche innovare, e quindi rischiare. Sarà dura, ma ci sentiamo, nonostante il periodo, di provare.

 

Credi che i vostri clienti metteranno via la bicicletta e inizieranno a usare il longboard? 

 

Lo credo fermamente. In molte città europee per i più giovani è già così, ad esempio a Berlino o Barcellona, dove gli studenti usano tavole per il commuting. Presto la moda arriverà anche nelle nostre città, ovviamente quelle che si prestano e sono attrezzate di ciclabili ed infrastutture.

 

Siete italiani, siete unici, e siete i più avanti. Perché scegliervi, qual è il segreto? 

 

Che siamo italiani è di certo una ragione, ma la nostra forza è che a parità di costo riusciamo a dare, unici sul mercato, tre anni di garanzia sulla rottura ed un servizio di personalizzazione serigrafica nell'ultimo layer. Non abbiamo un segreto nascosto, se non un sacco di sudore e tanti tentativi. Chi volesse ci trova su www.n2rskate.it. Ogni tanto un po' di amor patrio non farebbe male no?